CARAPELLI PIERLUIGI

UIC
Pierluigi Carapelli nei pressi di Vinci, durante l’Ultrapuane 2020

L’unico limite è porre un limite”.

Questo è quanto ho tatuato sul mio avambraccio destro, uno slogan a cui credo tantissimo e che forse sintetizza in poche parole il mondo Ultracycling.
Ultracycling è sport, è scuola di vita, è autostima, è “essere vivi”, è “te contro te stesso”. È un viaggio interiore che scopre dei lati personali inesplorati.
Ecco perché amo questa disciplina, ecco perché c’è rispetto fra ogni partecipante.

Double Coast to Coast Italy, Dolomitica, Romagna Ultra Race, Ultrapuane, Race Across Italy, Everesting, questa alcune delle pazzie affrontate in questi 5 anni.

Next Post

CIRILLO FABRIZIO

Dopo anni di mediofondo ho deciso di provare l’ultrafondo.. e il 2020 nonostante tutto quello che ha causato a me ha dato la spinta giusta per provarci. D’altra parte i percorsi lunghi iniziavano a far parte sempre più spesso nelle mie uscite, partivano mesi prima nella testa, pianificavo il percorso […]