Il portale dell'Ultracycling in Italia

FAQ – Domande e risposte

Domande, dubbi? Forse possiamo risponderti subito, altrimenti scrivici a uic@ultracyclingitalia.com

Come posso vivere il sogno tricolore?

Per vivere il sogno tricolore devi essere cittadino italiano e devi iscriverti al Ultracycling Italian Championship.

Dove ci si iscrive?

L’iscrizione è valida ed attiva dal momento in cui effettui l’iscrizione ad una sola delle sei  gare che compongono il Ultracycling Italian Championship – Campionato Italiano Ultracycling

Quali sono i requisiti minimi per la partecipazione?

I requisiti minimi sono il possesso di una tessera sportiva emessa da uno degli Enti della Consulta, e di conseguenza un certificato medico che attesti la tua idoneità sportiva.

Le strade sono aperte al traffico, cosa significa?

Durante le Ultracycling race in tutto il mondo gli atleti devono rispettare il traffico e le regole della strada. Nessuna strada viene chiusa al traffico per il passaggio degli atleti. Il bello della disciplina é unire l’arte del ciclismo con la capacità di orientamento.

Quali sono le categorie ammesse?

Le categorie sono:

 SOLO MAN:  L’atleta, di sesso maschile e di età compresa tra i 18 ed i 49 anni, correrà le gare con al seguito il proprio veicolo di supporto (ammiraglia) e la propria “crew”. La “crew” fornirà all’atleta tutto quanto sia necessario per concludere la gara, dagli approvvigionamenti principali (cibo, acqua, cambio di abbigliamento) a quelli relativi alla navigazione (comunicarti il percorso), oltre al supporto morale (dopo tanti chilometri una persona che ci conosce bene può dire la parolina giusta per permetterci di superare il momento difficile). Il veicolo di supporto sarà anche un aiuto durante le ore notturne per rendere l’atleta più visibile al normale traffico stradale. L’atleta non potrà salire sul veicolo, se questo in movimento, e non potrà sfruttarne la, cosidetta, scia. L’Ultracycling vissuto così è uno sport di squadra.
 SOLO WOMAN: L’atleta, di sesso femminile senza limiti di età, correrà allo stesso modo della categoria SOLO MAN, con l’ausilio della propria “crew” e del veicolo di supporto (ammiraglia).
 SOLO MAN – OVER50:  L’atleta, di sesso maschile di età superiore a 50 anni, correrà allo stesso modo della categoria SOLO MAN e SOLO WOMAN, con l’ausilio della propria “crew” e del veicolo di supporto (ammiraglia).
 SOLO – SELF SUPPORTED:  L’atleta, senza distinzione di sesso e di età, correrà senza nessun veicolo di supporto e senza “crew”. Pedalerà quindi caricandosi “in spalla” tutto il necessario per cibarsi, abbeverarsi e cambiarsi, come facevano un tempo gli eroi del ciclismo pionieristico.
 TEAM 2:

 Gli atleti, in questo caso due senza limitazioni di età e/o sesso, correranno le gare con al seguito il proprio veicolo di supporto (ammiraglia) e la propria “crew”. La “crew” fornirà agli atleti tutto quanto sia necessario per concludere la gara, dagli approvvigionamenti principali (cibo, acqua, cambio di abbigliamento) a quelli relativi alla navigazione (comunicarti il percorso), oltre al supporto morale (dopo tanti chilometri una persona che ci conosce bene può dire la parolina giusta per permetterci di superare il momento difficile). Il veicolo di supporto sarà anche un aiuto durante le ore notturne per rendere gli atleti più visibili al normale traffico stradale.

Gli atleti però correranno in coppia ma non correranno contemporaneamente (se l’atleta A è impegnato in pedalata, l’atleta B attenderà il suo turno all’interno del veicolo di supporto). Non essendo previsti dal regolamento né un limite minimo/massimo di chilometri/minuti in bici per il singolo atleta, né un limite minimo/massimo di cambi tra gli atleti, questi potranno suddividersi i tratti di percorso a seconda delle loro caratteristiche. Così facendo gli atleti saranno sempre al massimo delle loro condizioni e atleticamente freschi grazie alle pause.

 

 TEAM 4:

Gli atleti, in questo caso quattro senza limitazioni di età e/o sesso, correranno le gare con al seguito il proprio veicolo di supporto (ammiraglia) e la propria “crew”. La “crew” fornirà agli atleti tutto quanto sia necessario per concludere la gara, dagli approvvigionamenti principali (cibo, acqua, cambio di abbigliamento) a quelli relativi alla navigazione (comunicarti il percorso), oltre al supporto morale (dopo tanti chilometri una persona che ci conosce bene può dire la parolina giusta per permetterci di superare il momento difficile). Il veicolo di supporto sarà anche un aiuto durante le ore notturne per rendere gli atleti più visibili al normale traffico stradale.

Gli atleti però correranno in coppia ma non correranno contemporaneamente (se l’atleta A è impegnato in pedalata, gli atleti B, C e D attenderanno il proprio turno all’interno del veicolo di supporto). Non essendo previsti dal regolamento né un limite minimo/massimo di chilometri/minuti in bici per il singolo atleta, né un limite minimo/massimo di cambi tra gli atleti, questi potranno suddividersi i tratti di percorso a seconda delle loro caratteristiche. Così facendo gli atleti saranno sempre al massimo delle loro condizioni e atleticamente freschi grazie alle pause.

Quali sono le differenze tra la categoria “solo” e “solo self-supported”?

Gli atleti iscritti nella categoria “solo” avranno al loro seguito il proprio veicolo di supporto e la propria “crew”, mentre gli atleti nella categoria “solo self-supported” correranno da soli, senza il supporto del veicolo e della “crew”.

Considero le gare del Ultracycling Italian Championship – Campionato Nazionale Ultracycling molto impegnative, cosa posso fare?

E’ possibile partecipare iscrivendosi alle categorie “team 2” e “team 4”. Così facendo si vivono le gare in una sorta di modalità staffetta, e non sono posti limiti minimi o massimi al numero dei cambi o ai chilometri percorsi dal singolo atleta. La partecipazione alle gare nelle categorie TEAM permette di “dividere la fatica” tra gli atleti e rendere le gare “umane”.

Ho visto i costi di iscrizione, li ho trovati molto elevati in relazione alle “GranFondo” e “Randonee” a cui ho partecipato, come mai?

Effettivamente i costi di iscrizione medi delle “GranFondo” e delle “Randonne” sono molto più bassi rispetto ai costi di iscrizione delle Ultracycling race. Purtroppo nella gestione delle Ultracycling race i Comitati Organizzatori devono tener conto del costo del servizio GPS-Tracker, necessario per certificare la percorrenza corretta degli atleti nel percorso. Eventi come le Ultracycling race prevedono anche un numero elevato di controllori di percorso per permettere il corretto svolgimento della gara.

I numeri di partecipanti fanno il resto: le “GranFondo” e le “Randonne” con centinaia (quando non migliaia) di partecipanti, possono permettersi di “spalmare” i costi di gestione su un monte iscrizioni più elevato. I percorsi ed i dislivelli delle Ultracycling race creeranno sempre una forte selezione d’ingresso.

I C.O. delle Ultracycling italiane sono comunque riusciti a contenere al minimo i costi di iscrizione per gli atleti, infatti rimangono tra le gare del circuito Ultracycling mondiale con i costi più bassi.

Posso iscrivermi per una gara in modalità “solo” e per un’altra in modalità “solo self-supported”?

Non ci sono limitazioni a riguardo, avendo però ogni categoria una classifica nazionale a sé, i punti non potranno essere sommati tra loro.